Arsacal
button
button
button


In het klooster op de Sacro Monte van Varese

overweging_preek - gepubliceerd: woensdag, 18 juli 2012
Uitzicht op de Sacro Monte van Varese
Uitzicht op de Sacro Monte van Varese

De zusters Romite Ambrosiane zijn slotzusters met een grote liefde voor de (Ambrosiaanse) liturgie. Hun prachtig gelegen klooster boven op de Sacro Monte van Varese is een prachtige plaats om die liturgie mee te maken. De Ambrosiaanse ritus lijkt in veel opzichten op de 'gewone' Latijnse ritus, maar heeft een eigen traditie en eigen elementen. Sinds de laatste jaren is lectionarium uitgegeven met een geheel eigen lezingencyclus. Op maandag 16 juli mocht ik opnieuw voor deze dertig religieuzen de heilige Eucha­ris­tie vieren, waarbij ik de volgende homilie heb gehouden (voor wie Italiaans leest).

Lunedi nella settimana delta VII Domenica dopo Pentecoste (rito Ambrosiano) Lc. 9, 37-45

Le letture di oggi ci fanno vedere la grande potenza di Dio, in grado di vincere tutto il potere del male. Nella prima lettura era Gerico, Città umanamente parlato la più forte di tutte le città del mondo, famosa per le mura, che la circondovano, ma dopo la processione con l’arca del Signore ed il suono delle trombe, le mura della città crollarono su se stesse. Nel vangelo di oggi il potere del male si manifesta in quel figlio unico, di cui il demonio aveva preso possesso. È cacciato fuori il demonio, il fànciullo è quanto e tutti ammirano la grandezza di Dio. Il potere del male si manifesta anche nella vita degli uomini di oggi, qualche volta nella nostra vita e nella vita della Chiesa. Vatileaks e abusi sessuali mettono un’ ombra sulla vita della Chiesa. La mancanza de vocazioni, una malattia e molte altre cose ci possono lasciare scorraggiati: Dove è Dio? Ci lascia da soli? Ci abbandona? Nel vangelo di oggi Gesù, Pietro, Giovanni e Giacomo scendono dalla monte della trasfigurazione dove erano invitati per cosi dire “a non vedere altro che Gesù”. Avevono contemplato lo spLendore di Christo trasfigurato. Poi scendono e subito devono affrontare la realtà dura, cotidiana: il potere del male. “O, generazione incredula” Il vangelo allora ci invita a guardare tutte le reàltà della Chiesa, della nostra vita personale, della vita degli altri, del mundo, con occhio sovvranaturale. Non scoraggiatevi, avete fiducia in Dio che tutto provvede, Egli tutto sa; Egli ha il Suo progetto per la Chiesa, per le Romite Anbrosiane, per tutti noi. Gli apostoli spesso non hanno capito, il vangelo di oggi ben tre volte ripete che i discepoli non evano in grado di capire il Signore. Per noi, che spesso restiamo un po’ perplessi di fronte al Signore, per noi una consolazione, ma pure un incoraggiamento: Avete fiducia nella forza, nella potenza di Dio! Amen

Terug